Via P.pe di Villafranca, 50, 90141 Palermo
+ 39 091 335081
carrefoursic@hotmail.com

L’UE annuncia 25 milioni di euro per l’istruzione in contesti di crisi e 140 milioni di euro per sostenere la ricerca sui sistemi alimentari sostenibili

Intervenendo all’evento Global Citizen Live , la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato che l’Unione europea sta impegnando 140 milioni di euro per sostenere la ricerca sui sistemi alimentari sostenibili e affrontare la fame di cibo attraverso il CGIAR , precedentemente noto anche come gruppo consultivo per International Agricultural Research, e altri 25 milioni di euro per Education Cannot Wait , fondo globale per l’educazione dei bambini in situazioni di emergenza e di crisi prolungate, in particolare ragazze, bambini con disabilità, minoranze e altri bambini emarginati.

Ursula von der Leyen , presidente della Commissione europea, ha dichiarato: “ Dobbiamo unire le forze per sconfiggere il coronavirus e ricostruire meglio il mondo. L’Europa sta facendo la sua parte. Fin dall’inizio, gli europei hanno spedito 800 milioni di dosi di vaccini nel mondo, anche quando non ne avevamo abbastanza per noi stessi. Ora dobbiamo fare un passo avanti, per aiutare a porre fine a questa pandemia a livello globale, a porre fine alla fame, a dare ai bambini di tutto il mondo pari opportunità. Team Europe si è già impegnato a donare 500 milioni di dosi di vaccini ai paesi vulnerabili entro la prossima estate. Inoltre, la Commissione europea oggi impegna 140 milioni di euro per migliorare la sicurezza alimentare globale e ridurre la povertà estrema e 25 milioni di euro per L’istruzione non può aspettare, a sostegno dell’istruzione per i bambini di tutto il mondo che vivono conflitti e crisi”.

Il commissario per i partenariati internazionali Jutta Urpilainen ha dichiarato: ” Dobbiamo unirci per rimettere in carreggiata gli SDGs. Come continuiamo a testimoniare, non possiamo mai dare per scontato l’accesso all’istruzione. Finora Team Europe ha contribuito a oltre il 40% dei finanziamenti dell’istruzione non può aspettare e il nuovo contributo di 25 milioni di euro dell’UE lo sosterrà ulteriormente per raggiungere i bambini più vulnerabili e riportarli all’istruzione.Inoltre, grazie al nostro sostanziale sostegno di 140 milioni di euro al CGIAR, creeremo opportunità per i giovani e le donne, mentre si affronta una sfida chiave di oggi, per promuovere sistemi alimentari sostenibili.Azioni globali coordinate saranno decisive per raggiungere una trasformazione dei sistemi alimentari ambientalmente, socialmente ed economicamente sostenibile “.

Sostenere l’istruzione per i bambini che vivono attraverso conflitti e crisi

L’UE contribuirà con 25 milioni di euro aggiuntivi a Education Cannot Wait (ECW) per sostenere il diritto anche dei bambini più vulnerabili a un’istruzione sicura e di qualità e senza lasciare indietro nessuno. Il nuovo finanziamento porta il contributo totale dell’UE a L’istruzione non può aspettare a 52,5 milioni di euro, accelerandone l’impatto, la portata e la portata in tutto il mondo.

L’istruzione di qualità è un diritto umano fondamentale e svolge un ruolo chiave come acceleratore del progresso su tutti gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Tuttavia, durante la pandemia, 1,6 miliardi di bambini non hanno frequentato la scuola a livello globale e milioni potrebbero non tornare mai più a imparare. Il mondo rischia di invertire decenni di progresso.

Education Cannot Wait è un fondo globale per l’istruzione dei bambini nelle emergenze e nelle crisi prolungate che consente ai governi, alle istituzioni multilaterali e al settore privato di finanziare programmi educativi completi per bambini e giovani colpiti da crisi. È stato progettato per essere agile e per raggiungere i più vulnerabili, esclusi e difficili da raggiungere, comprese ragazze, bambini con disabilità, minoranze e altri bambini emarginati.

Dalla sua istituzione nel 2016, il fondo ha aiutato oltre 4,6 milioni di ragazze e ragazzi vulnerabili che vivono in situazioni di fragilità e contesti di crisi ad accedere a un’istruzione inclusiva e di qualità in un ambiente sicuro e protettivo. L’ istruzione COVID-19 in risposta alle emergenze del fondo ha fornito apprendimento a distanza, messaggi sanitari salvavita e altro supporto a ulteriori 29,2 milioni di ragazze e ragazzi vulnerabili.

Perché la ricerca sulla trasformazione dei sistemi alimentari è la chiave per porre fine alla fame

Le crisi climatiche globali, l’esaurimento delle risorse naturali e la perdita di biodiversità sono minacce esistenziali per l’umanità e le sfide globali che definiscono il nostro secolo. Stanno conducendo minacce alla fornitura di sicurezza alimentare e nutrizionale sostenibile per tutti. Insieme, favoriscono la cattiva salute, le disuguaglianze, gli sconvolgimenti sociali e i conflitti.

I sistemi alimentari sono sia un motore che una vittima di queste sfide. Eppure, se gestiti e governati in modo diverso, possono essere parte delle soluzioni e campioni del cambiamento, guidando altri settori con soluzioni e ispirazione.

Per avere successo, la conoscenza, le capacità, la qualità nelle partnership, le innovazioni contestualizzate e le azioni globali coordinate sono della massima importanza.

Un radicale riallineamento dei sistemi alimentari in tutto il mondo potrebbe porre fine alla fame e alla malnutrizione in tutte le sue forme, promuovendo al contempo l’uguaglianza di genere, la creazione di posti di lavoro, mezzi di sussistenza prosperi, opportunità per i giovani, soluzioni climatiche e salute ambientale. Questo è ciò che il CGIAR si propone di realizzare attraverso la sua Strategia di Ricerca e Innovazione 2030.

Il sostegno dell’UE rafforzerà le capacità e gli interventi del CGIAR per rinnovare il suo portafoglio di ricerca e innovazione per affrontare metodi di produzione, pratiche e politiche correlate; e aumentare le soluzioni basate sulla natura e gli approcci basati sugli ecosistemi (ad es. approcci agro-ecologici e rigenerativi, agroforestazione, gestione sostenibile del territorio, ecc.) per migliorare la produttività basata su processi ecologici per contribuire alla sostenibilità economica, sociale e ambientale.

CGIAR, fondata nel 1971, è una rete di 15 centri di ricerca in tutto il mondo con circa 8.000 scienziati che conducono ricerche sui sistemi alimentari in Africa, Asia, Pacifico, America Latina e Caraibi, la cui missione è aiutare a nutrire una popolazione globale in rapida crescita. Ora lo scopo di aiutare ad affrontare 21 st sfide secolo, a trasformare il cibo, la terra, e sistemi di acqua in una crisi climatica, e preparare il mondo per shock come quelli portati da COVID-19, all’interno di un’organizzazione ristrutturato.

Informazioni sulla risposta globale del Team Europe al COVID-19

Nel 2020, si prevede che il COVID-19 abbia spinto 100 milioni di persone in condizioni di estrema povertà e circa 500 milioni di persone sotto la soglia di povertà estesa, a vivere con meno di 5,5 dollari al giorno.

In risposta all’impatto della pandemia nei paesi partner, l’UE, i suoi Stati membri e le istituzioni europee per il finanziamento dello sviluppo – come Team Europe – hanno risposto con un pacchetto di sostegno di 46 miliardi di euro tra aprile 2020 e aprile 2021 per aiutare i paesi partner ad affrontare l’immediato problema sanitario e le conseguenze socio-economiche della pandemia.

Questo sostegno sarà potenziato con il nuovo bilancio esterno dell’UE da 80 milioni di euro 2021-2027, di cui almeno il 20% sarà dedicato allo sviluppo umano, in particolare alla salute e all’istruzione.

Per maggiori informazioni

Dichiarazione del presidente von der Leyen all’evento Global Citizen
Scheda informativa Team Europe COVID-19 Global Response
Cittadino globale in diretta
L’istruzione non può aspettare

fonte ec.europa.eu/commission

YouTube
Instagram