Via P.pe di Villafranca, 50, 90141 Palermo
+ 39 091 335081
carrefoursic@hotmail.com

Coronavirus: la Commissione pubblica linee guida per proteggere le risorse e la tecnologia europee fondamentali nell’attuale crisi

La Commissione europea ha pubblicato oggi  linee guida per garantire un forte approccio a livello UE allo screening degli investimenti esteri in un momento di crisi della salute pubblica e della relativa vulnerabilità economica. L’obiettivo è quello di preservare le società e le risorse critiche dell’UE, in particolare in settori quali la salute, la ricerca medica, la biotecnologia e le infrastrutture essenziali per la nostra sicurezza e l’ordine pubblico, senza compromettere l’apertura generale dell’UE agli investimenti esteri.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Se vogliamo che l’Europa emerga da questa crisi tanto forte quanto siamo entrati, allora dobbiamo prendere misure precauzionali ora. Come in ogni crisi, quando i nostri beni industriali e aziendali possono essere sotto stress, dobbiamo proteggere la nostra sicurezza e sovranità economica. Disponiamo degli strumenti per affrontare questa situazione ai sensi del diritto europeo e nazionale e desidero esortare gli Stati membri a sfruttarne appieno. L’UE è e rimarrà un mercato aperto per gli investimenti esteri diretti. Ma questa apertura non è incondizionata. ” 

Il commissario per il Commercio Phil Hogan ha dichiarato: “ Siamo di fronte a una crisi della salute pubblica senza precedenti con profonde conseguenze per l’economia europea. Nell’Unione europea, siamo e desideriamo rimanere aperti agli investimenti esteri. Nelle circostanze attuali, dobbiamo temperare questa apertura con controlli adeguati. Dobbiamo sapere chi investe e per quale scopo. L’UE e i suoi Stati membri dispongono degli strumenti giuridici giusti per questo. Le linee guida odierne invitano gli Stati membri a utilizzare questi strumenti nella massima misura e porteranno maggiore chiarezza su come utilizzare il nostro quadro di screening degli investimenti per prevenire una svendita di attività strategiche dell’UE nell’attuale crisi . ” 

In base alle vigenti norme dell’UE, gli Stati membri hanno il potere di controllare gli investimenti diretti esteri (IDE) provenienti da paesi terzi per motivi di sicurezza o di ordine pubblico. La protezione della salute pubblica è riconosciuta come motivo imperativo di interesse generale. Di conseguenza, gli Stati membri possono imporre misure di mitigazione (come impegni di fornitura per soddisfare le esigenze vitali nazionali e dell’UE) o impedire a un investitore straniero di acquisire o assumere il controllo di una società. Meccanismi nazionali di screening degli IDE sono attualmente in atto in 14 Stati membri. Con il regolamento di screening degli investimenti esteri dell’UE in vigore dallo scorso anno, l’UE è ben attrezzata per coordinare il controllo delle acquisizioni straniere effettuate a livello degli Stati membri.

Emanando i suoi orientamenti, la Commissione invita gli Stati membri che dispongono già di un meccanismo di controllo esistente a sfruttare appieno gli strumenti a loro disposizione ai sensi della legislazione dell’UE e nazionale per impedire i flussi di capitali provenienti da paesi terzi che potrebbero compromettere la sicurezza o l’ordine pubblico dell’Europa .

La Commissione invita inoltre i restanti Stati membri a istituire un meccanismo di screening completo e nel frattempo a prendere in considerazione tutte le opzioni, in conformità con il diritto dell’UE e gli obblighi internazionali, per affrontare potenziali casi in cui l’acquisizione o il controllo da parte di un investitore straniero di una particolare impresa, infrastruttura o tecnologia creerebbe un rischio per la sicurezza o l’ordine pubblico nell’UE.

La Commissione incoraggia inoltre la cooperazione tra gli Stati membri, in quanto riguarda i casi di screening degli IDE in cui gli investimenti stranieri potrebbero avere un impatto sul mercato unico dell’UE. Le acquisizioni straniere in corso ora rientrano già nel regolamento di screening degli IDE dell’UE e potrebbero essere riviste nell’ambito del meccanismo di cooperazione istituito dal regolamento, che sarà pienamente operativo a partire da ottobre 2020.

Per quanto riguarda i movimenti di capitali, le linee guida ricordano anche in quali circostanze specifiche la libera circolazione dei capitali, in particolare da paesi terzi, collegata ad acquisizioni di quote di capitale può essere limitata.

La Commissione continuerà inoltre a seguire da vicino gli sviluppi sul campo e sarà pronta a discutere e garantire il coordinamento su qualsiasi caso di investimento estero con un impatto europeo maggiore. La protezione delle risorse strategiche dell’UE sarà anche oggetto di discussioni tra il presidente  von der Leyen e i leader dell’UE nella videoconferenza del Consiglio europeo di domani.

sfondo

Il regolamento sullo screening degli IDE dell’UE è stato adottato nel marzo 2019. Mette in atto per la prima volta un meccanismo a livello UE per coordinare lo screening degli investimenti stranieri che possono incidere sulla sicurezza e l’ordine pubblico dell’Unione e dei suoi Stati membri. Questo meccanismo si basa sull’obbligo di scambiare informazioni tra gli Stati membri e la Commissione, nonché sulla possibilità per la Commissione e gli Stati membri di emettere pareri e commenti su transazioni specifiche. L’applicazione di questo meccanismo inizierà l’11 ottobre 2020. La Commissione e gli Stati membri stanno già collaborando al fine di adattare i meccanismi di screening nazionali e garantire una piena e rapida attuazione del regolamento a livello dell’UE e nazionale.

Per maggiori informazioni

Linee guida sullo screening degli IDE

Quadro di screening degli IDE: regolamento , comunicato stampa , scheda informativa

fonte ec.europa.eu

Facebook
Facebook
YouTube
Instagram