Via P.pe di Villafranca, 50, 90141 Palermo
+ 39 091 335081
carrefoursic@hotmail.com

Il momento dell’Europa: riparare e preparare per la prossima generazione

La Commissione europea ha presentato oggi la proposta relativa a un piano di ripresa di ampio respiro. La ripresa dev’essere sostenibile, uniforme, inclusiva ed equa per tutti gli Stati membri: a questo fine la Commissione propone di varare un nuovo strumento per la ripresa, Next Generation EU, incorporato in un bilancio dell’UE a lungo termine rinnovato, potente e moderno. La Commissione ha inoltre presentato il programma di lavoro 2020 adattato, in cui è data priorità agli interventi necessari per sospingere la ripresa e aiutare la resilienza dell’Europa..

Il coronavirus ha scosso l’Europa e il mondo fino in fondo, testando i sistemi sanitari e assistenziali, le nostre società ed economie e il nostro modo di vivere e lavorare insieme. Per proteggere vite e mezzi di sussistenza, riparare il mercato unico e costruire una ripresa duratura e prospera, la Commissione europea propone di sfruttare tutto il potenziale del bilancio dell’UE. L’UE di prossima generazione di 750 miliardi di euro e i rinforzi mirati del bilancio dell’UE a lungo termine per il periodo 2021-2027 porteranno la potenza di fuoco finanziaria totale del bilancio dell’UE a 1,85 trilioni di euro.

Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: ” Il piano di ripresa trasforma l’immensa sfida che affrontiamo in un’opportunità, non solo sostenendo la ripresa ma anche investendo nel nostro futuro: il Green Deal europeo e la digitalizzazione favoriranno l’occupazione e la crescita, il resilienza delle nostre società e salute del nostro ambiente. Questo è il momento dell’Europa. La nostra volontà di agire deve essere all’altezza delle sfide che tutti noi affrontiamo. Con Next Generation EU stiamo fornendo una risposta ambiziosa “.

Il commissario Johannes Hahn , responsabile del bilancio dell’UE, ha dichiarato: “Il nostro bilancio comune è al centro del piano di ripresa dell’Europa. La potenza di fuoco aggiuntiva di Next Generation EU e il rafforzato quadro finanziario pluriennale ci daranno il potere della solidarietà per sostenere gli Stati membri e l’economia. Insieme, l’Europa sorgerà più competitiva, resiliente e sovrana . “

Il vicepresidente Maroš Šefčovič , responsabile delle relazioni interistituzionali e della lungimiranza, ha dichiarato: “ La ripresa richiederà una forte direzione politica. Il programma di lavoro adattato, che riflette la nuova realtà, mostra che concentreremo tutte le nostre azioni sul superamento della crisi, sull’avvio della nostra economia e sull’instaurazione dell’Unione europea di un percorso di ripresa resiliente, sostenibile ed equo. Ci aiuterà a rimbalzare più forte . “

INVESTIRE PER LA PROSSIMA GENERAZIONE

A complemento degli sforzi nazionali, il bilancio dell’UE si trova in una posizione unica per alimentare un’equa ripresa socioeconomica, riparare e rivitalizzare il mercato unico, garantire condizioni di parità e sostenere gli investimenti urgenti, in particolare nelle transizioni verde e digitale, che detengono la chiave per la prosperità e la resilienza future dell’Europa.

Next Generation L’UE raccoglierà fondi alzando temporaneamente il massimale delle risorse proprie al 2,00% del reddito nazionale lordo dell’UE, consentendo alla Commissione di utilizzare il suo solido rating creditizio per prendere in prestito 750 miliardi di euro sui mercati finanziari. Questo finanziamento aggiuntivo verrà incanalato attraverso i programmi dell’UE e rimborsato per un lungo periodo di tempo attraverso i futuri bilanci dell’UE, non prima del 2028 e non dopo il 2058. Per contribuire a farlo in modo equo e condiviso, la Commissione propone una serie di nuove risorse proprie . Inoltre, al fine di rendere disponibili fondi quanto prima per rispondere alle esigenze più urgenti, la Commissione propone di modificare l’attuale quadro finanziario pluriennale 2014-2020 per rendere disponibili ulteriori finanziamenti per 11,5 miliardi di euro già nel 2020.

I fondi raccolti per Next Generation EU saranno investiti su tre pilastri:

1. Sostegno agli Stati membri con investimenti e riforme :

  • Un  nuovo impianto di recupero e resilienza di € 560 miliardi sarà offrire un sostegno finanziario per gli investimenti e le riforme, anche in relazione alle transizioni verde e digitali e la resilienza delle economie nazionali, che collega questi per le priorità dell’Unione europea. Questa struttura sarà integrata nel semestre europeo. Sarà dotato di una struttura di sovvenzione fino a € 310 miliardi e sarà in grado di rendere disponibili fino a € 250 miliardi in prestiti. Il sostegno sarà disponibile per tutti gli Stati membri ma si concentrerà sui più colpiti e laddove le esigenze di resilienza sono maggiori .
  • Un  supplemento di 55 miliardi di euro degli attuali programmi della politica di coesione tra oggi e il 2022 nell’ambito della nuova iniziativa REACT-UE da assegnare in base alla gravità degli impatti socioeconomici della crisi, compreso il livello di disoccupazione giovanile e i relativi prosperità degli Stati membri . 
  • Una proposta per rafforzare il Fondo di transizione giusta fino a 40 miliardi di euro , per aiutare gli Stati membri ad accelerare la transizione verso la neutralità climatica .
  • Un rafforzamento di 15 miliardi di euro per il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale per sostenere le aree rurali nel rendere necessari i cambiamenti strutturali in linea con il Green Deal europeo e raggiungere gli ambiziosi obiettivi in ​​linea con la nuova biodiversità e le strategie Farm to Fork  .

2. Avviare l’economia dell’UE incentivando gli investimenti privati:

  • Un nuovo strumento di sostegno alla solvibilità mobiliterà risorse private per sostenere con urgenza aziende europee vitali nei settori, nelle regioni e nei paesi maggiormente colpiti. Può essere operativo dal 2020 e avrà un budget di 31 miliardi di euro, con l’obiettivo di sbloccare 300 miliardi di euro di sostegno alla solvibilità per le aziende di tutti i settori economici e prepararli per un futuro più pulito, digitale e resiliente .
  • Aggiorna InvestEU, il programma di investimento di punta dell’Europa, a un livello di 15,3 miliardi di euro per mobilitare investimenti privati ​​in progetti in tutta l’Unione .
  • Un nuovo strumento di investimento strategico integrato in InvestEU – per generare investimenti fino a 150 miliardi di euro per rafforzare la resilienza dei settori strategici, in particolare quelli legati alla transizione verde e digitale e le principali catene del valore nel mercato interno, grazie al contributo di € 15 miliardi da Next Generation EU .

3. Affrontare le lezioni della crisi:

  • Un nuovo programma sanitario, EU4Health, per rafforzare la sicurezza sanitaria e prepararsi per future crisi sanitarie con un budget di 9,4 miliardi di euro .
  • Un rafforzamento di 2 miliardi di euro di rescEU, il meccanismo di protezione civile dell’Unione , che sarà ampliato e rafforzato per dotare l’Unione di prepararsi e rispondere alle crisi future .
  • Un  ammontare di euro € 94,4 miliardi per l’ orizzonte l’Europa , che sarà rafforzato per finanziare la ricerca vitale nella salute, capacità di recupero e le transizioni verde e digitali .
  • Sostenere partner globali in Europa attraverso un ulteriore € 16,5 miliardi di per le azioni esterne , compresi gli aiuti umanitari .
  • Altri programmi dell’UE saranno rafforzati per allineare pienamente il futuro quadro finanziario alle esigenze di ripresa e alle priorità strategiche. Altri strumenti saranno rafforzati per rendere il bilancio dell’UE più flessibile e reattivo .

Raggiungere un rapido accordo politico sull’UE di prossima generazione e sul bilancio complessivo dell’UE per il 2021-2027 a livello di Consiglio europeo entro luglio è necessario per dare nuovo dinamismo alla ripresa e dotare l’UE di un potente strumento per riportare l’economia al suo attivo piedi e costruire per il futuro.

I FONDAMENTI POLITICI DEL RECUPERO

Rilanciare l’economia non significa tornare allo status quo prima della crisi, ma rimbalzare in avanti. Dobbiamo riparare i danni a breve termine dalla crisi in un modo che investe anche nel nostro futuro a lungo termine. Tutti i fondi raccolti attraverso Next Generation EU saranno incanalati attraverso programmi UE nel rinnovato bilancio a lungo termine dell’UE:

Il Green Deal europeo come strategia di ripresa dell’UE:

  • Una massiccia ondata di rinnovamento dei nostri edifici e infrastrutture e un’economia più circolare, portando posti di lavoro locali ;
  • Rotolando fuori di energia rinnovabile progetti, in particolare eolica, solare e calcio di iniziare un’economia dell’idrogeno pulito in Europa ;
  • Trasporti e logistica più puliti,  compresa l’installazione di un milione di punti di ricarica per veicoli elettrici e una spinta per i viaggi in treno e una mobilità pulita nelle nostre città e regioni ;
  • Rafforzare il Just Transition Fund per supportare la riqualificazione, aiutando le aziende a creare nuove opportunità economiche .

Rafforzare il mercato unico e adattarlo all’era digitale:  

  • Investire in una maggiore e migliore connettività , in particolare nella rapida implementazione di reti 5G ;
  • Una presenza industriale e tecnologica più forte in settori strategici, tra cui intelligenza artificiale, sicurezza informatica, supercalcolo e cloud;
  • Costruire una vera economia dei dati come motore per l’innovazione e la creazione di posti di lavoro;
  • Maggiore resilienza informatica .

Un recupero equo e inclusivo per tutti:

  • Il sistema europeo di riassicurazione della disoccupazione a breve termine (SURE) fornirà € 100 miliardi a sostegno di lavoratori e imprese;
  • Un Ordine del giorno Competenze per l’Europa e un piano d’azione Digital Education garantiranno le competenze digitali per tutti i cittadini dell’UE;
  • Salari minimi equi e misure vincolanti di trasparenza salariale aiuteranno i lavoratori vulnerabili, in particolare le donne;
  • La Commissione europea sta intensificando la lotta contro l’evasione fiscale e questo aiuterà gli Stati membri a generare entrate.

COSTRUIRE UN’UE PIÙ RESILIENTE

L’Europa deve rafforzare la sua autonomia strategica in una serie di settori specifici, anche nelle catene del valore strategiche e rafforzando lo screening degli investimenti diretti esteri. Per aumentare la preparazione e la gestione delle crisi, la Commissione rafforzerà l’Agenzia europea per i medicinali e assegnerà un ruolo più forte al Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC) nel coordinamento delle risposte mediche in caso di crisi.

Il recupero deve essere inequivocabilmente basato sui diritti fondamentali e sul pieno rispetto dello stato di diritto . Eventuali misure di emergenza devono essere limitate nel tempo ed essere rigorosamente proporzionate. La valutazione della Commissione sarà inclusa nella prima relazione nell’ambito del meccanismo dello Stato di diritto.

Possiamo e dobbiamo imparare le lezioni da questa crisi, ma ciò può essere fatto solo coinvolgendo i nostri cittadini, comunità e città. La Conferenza sul futuro dell’Europa svolgerà un ruolo importante nel rafforzare ulteriormente le basi democratiche dell’Europa nel mondo della crisi post-coronavirus.

RESPONSABILE RESPONSABILE GLOBALE

L’UE è impegnata a guidare gli sforzi internazionali verso una vera ripresa globale, in particolare attraverso un coordinamento congiunto con le Nazioni Unite, il G20 e il G7, il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale o l’Organizzazione internazionale del lavoro. L’UE continuerà a lavorare in stretta collaborazione con i suoi vicini immediati nell’est e nel sud e con i suoi partner in Africa.

SFONDO

La dichiarazione congiunta dei membri del Consiglio europeo adottata il 26 marzo 2020 ha invitato la Commissione europea a sviluppare una strategia di uscita coordinata, un piano di ripresa globale e investimenti senza precedenti per consentire un normale funzionamento delle nostre società ed economie e raggiungere una crescita sostenibile, integrando tra l’altro la transizione verde e la trasformazione digitale. Sulla base di questo mandato, il 15 aprile i presidenti della Commissione e del Consiglio hanno presentato, come primo passo, una tabella di marcia europea comune per la revoca delle misure di contenimento di Covid-19. Il pacchetto presentato oggi, basato su una proposta rinnovata per il prossimo bilancio dell’UE a lungo termine e sul programma di lavoro della Commissione aggiornato per il 2020, affronta la seconda parte del mandato, vale a dire la necessità di un piano di risanamento globale.

L’UE ha già fornito una risposta collettiva coordinata e potente per attenuare il colpo economico della crisi del coronavirus. Abbiamo allentato i nostri quadri fiscali e sugli aiuti di Stato per dare agli Stati membri spazio per agire. Stiamo utilizzando tutti gli euro disponibili nel bilancio dell’UE per sostenere il settore sanitario, i lavoratori e le imprese e mobilitando finanziamenti dai mercati per contribuire a salvare posti di lavoro.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Comunicazione del piano di risanamento: “Il momento dell’Europa: ripara e prepara per la prossima generazione”

Comunicazione del bilancio dell’UE: “Il bilancio dell’UE che alimenta il piano di risanamento per l’Europa”

Documento di lavoro del personale

Sito web per le proposte del QFP

Sito web per il programma di lavoro della Commissione 2020 modificato

Sito web sulla risposta della Commissione al coronavirus

Domande e risposte sul QFP e la prossima generazione dell’UE

Schede Informative

Scheda informativa 1  
Il bilancio dell’UE che alimenta il piano di ripresa per l’Europa 

Scheda informativa 2 
Strumenti chiave a sostegno del piano di ripresa per l’Europa 

Scheda informativa 3 
Finanziamento del piano di risanamento per l’Europa 

Scheda informativa 4
Programma di lavoro della Commissione 2020 modificato

Discorso del presidente von der Leyen al Parlamento europeo

fonte ec.europa.eu

YouTube
Instagram