Via P.pe di Villafranca, 50, 90141 Palermo
+ 39 091 335081
carrefoursic@hotmail.com

L’Unione europea fornirà fino a 100 miliardi di euro per aiutare gli stati membri a proteggere i posti di lavoro e i lavoratori.

L’impatto economico di COVID-19: 100 miliardi per tutelare i posti di lavoro

L’UE fornirà ulteriore sostegno finanziario agli stati membri per proteggere i posti di lavoro e i lavoratori colpiti dalla pandemia del coronavirus

A causa della crisi di COVID-19 molte imprese stanno affrontando difficoltà economiche e hanno dovuto sospendere temporaneamente o ridurre in modo significativo le attività e le ore di lavoro dei dipendenti. Per sostenere i datori di lavoro e per evitare che i dipendenti e i lavoratori autonomi perdano il proprio lavoro o reddito, la Commissione europea propone un nuovo strumento temporaneo chiamato SURE (sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione, dall’inglese Support to mitigate Unemployment Risks in an Emergency) che integri gli sforzi nazionali a tutela del lavoro.

La proposta fa parte di una serie di misure dell’UE per aiutare gli stati membri a far fronte alla pandemia del coronavirus.

Leggi tutte le misure prese dall’UE per frenare la pandemia

Tutelare i posti di lavoro durante la crisi

Nel quadro del programma SURE, l’UE garantirà assistenza finanziaria sotto forma di prestiti concessi a condizioni favorevoli ai paesi membri che ne fanno richiesta. Lo strumento aiuterà a finanziare i regimi nazionali di riduzione dell’orario lavorativo, le indennità di disoccupazione e altre misure simili a protezione dei lavoratori. Lo strumento fornirà assistenza fino a 100 miliardi di euro che saranno a disposizione degli stati membri.Regimi di riduzione dell’orario lavorativo

  • I regimi di riduzione dell’orario lavorativo consentono ad aziende e imprese in difficoltà economica di ridurre temporaneamente le ore di lavoro dei dipendenti che ricevono dallo stato compensazioni per le entrate perse.

Lo strumento permetterà alle famiglie di mantenere il reddito e pagare le spese e consentirà alle imprese di tutelare la capacità produttiva e i dipendenti, assicurando la stabilità del mercato. Nel lungo termine i regimi di riduzione dell’orario lavorativo possono prevenire conseguenze più gravi sull’economia e sostenere una rapida ripresa dopo la crisi.

La presidente della Commissione per l’occupazione Lucia Ďuriš Nicholsonová (Conservatori e riformisti europei) ha accolto favorevolmente la creazione dello strumento SURE: “È un segnale importante di solidarietà dell’Unione europea e uno strumento utile per mitigare gli effetti socio-economici della crisi di COVID-19. Sostenendo i regimi di riduzione dell’orario lavorativo e misure simili, SURE aiuterà le aziende in difficoltà economica a proteggere i posti di lavoro.”

La strategia dell’UE per sostenere il lavoro

Oltre allo strumento temporaneo SURE pensato nello specifico per far fronte alle conseguenze della pandemia, la Commissione europea sta lavorando alla proposta di un nuovo regime europeo di riassicurazione contro la disoccupazione per proteggere i lavoratori che perdono il lavoro a causa delle ripercussioni economiche delle emergenze.

Secondo il Parlamento europeo un regime di base per l’indennità di disoccupazione di questo tipo contribuirebbe direttamente a stabilizzare i redditi delle famiglie, rafforzando l’inclusione sociale in Europa. In una risoluzione adottata il 7 aprile gli eurodeputati hanno ribadito la propria richiesta per un regime permanente che assicuri la protezione dei lavoratori dalla perdita delle entrate.

L’obiettivo del futuro regime di riassicurazione contro la disoccupazione è quello di ridurre la pressione sulle finanze pubbliche degli stati membri, attraverso il sostegno alle misure nazionali che tutelano i posti di lavoro e le competenze e facilitano il ritorno al lavoro. La Commissione europea dovrebbe presentare una proposta entro la fine dell’anno.

Le prossime tappe

Lo strumento SURE entrerà in vigore non appena la proposta sarà approvata dal Consiglio europeo.

Per saperne di più

fonte europarl.europa.eu/news/it

 

YouTube
Instagram